poesia

Lode alla monotonia

Il grigiore della monotonia
appesantisce il mio corpo
come fosse un macigno.

Istanti e momenti si susseguono
passivamente davanti al mio sguardo
che, come un folle, cerca di catturare
e fare proprio il tutto.

Dai miei occhi semichiusi
scopro un cielo freddamente azzurro
ma al contempo ricco di novità.

Espiro. Inspiro.
Battito cardiaco.
Inspiro. Espiro.
Anima tremante.

L’essere prende forma nella coscienza,
nella forma del mondo a me esterno.

Tutto si ferma, s’immobilizza.
I suoni sono un ricordo lontano
come di atomi non ancora scoperti,
come di sogni non ancora sognati.

Inspiro. Espiro.
Anima tremante.
Espiro. Inspiro.
Battito cardiaco.

Finalmente chiudo gli occhi
abbandonandomi alle dolci fusa
della noia.

Angelica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...